In pura seta la bambola degli anni ’40

La classica bambola ricevuta come dono di nozze da una signora negli anni ’40.

Una scena come tante. L’anziana signora entra all’Orientexpress accompagnata dalla figlia con in mano una grande busta. All’interno come avrete già capito, la futura paziente da “operare”.

La prima diagnosi è: pulitura generale, cambio elastici, restauro di piccoli dettagli, lavare il vestito originale.

Lorenzo si mette subito all’opera, riportando senza alcuna difficoltà, la creaturina all’antico splendore. Unica pecca, per quanto il vestito fosse stato pulito con cura, porta ancora con sè una macchia indelebile su di un tessuto ormai provato dagli anni.

Richiamata la cliente per il ritiro del lavoro, la proprietaria della bambola a lei legatissima, decide di non accontentarsi, commissionando questa volta un nuovo abito da confezionare per la sua piccola amica.

Questa volta tocca ad Anna che scova tra i suoi archivi un pezzo di pura seta color pesca. Molto simile per qualità e tono all’originale, il nuovo vestito ricalca il modello di quello precedente pur con delle differenze che l’artista/artigiana ha voluto evidenziare. Questa volta il bustino ha il doppio strato di tulle ricamato, gli orli impreziositi con un ricamo a punto catena, un bel nastro come cinta ed un gioiello al collo.

Concluso il lavoro, nuovamente viene chiamata la signora e questa volta è pienamente soddisfatta.

Sua figlia però, ora ha difficoltà ad arrivare alla macchina con sottobraccio la mamma ed una bambola ingombrante nell’altra mano. Così Lorenzo si offre per accompagnarle portando il cimelio al posto loro senza busta, bensì in mano per non far sgualcire l’abito. Durante il tragitto tutti li guardano con il sorriso in volto. C’è chi dice scherzando che sia sua figlia, chi approfitta dell’attimo ed intende comprarla lì per lì.

Arrivati al parcheggio la signora si accomoda sul sedile, e mentre Lorenzo sistema la bambola dietro, questa si mette a piangere commossa. Ringrazia ancora per il lavoro portato a termine con successo e non riesce a nascondere la felicità provata nel riportare in vita quell’oggetto al quale è così affezionata. Il simbolo di una lunga, piena ed appagante esistenza.