In ceramica raku i Bagnanti di Senigallia

Le Marche sono una regione meravigliosamente insolita per la loro diversità di paesaggio e territorio. Forme armoniche e sinuose, grotte che si alternano a spiagge indimenticabili, colline che rievocano storia, tradizione, arte e montagne attrezzate con impianti di risalita per gli appassionati di sci.

Ecco dunque che dopo aver preso spunto dal tema della campagna marchigiana, dedicando un’intera collezione alle Pupe del Biroccio, ora Lorenzo Marconi esplora anche un altro elemento che caratterizza la nostra regione, il mare.

Le rubiconde figure di donna e non solo, ora si spogliano dei loro abiti da contadine, ed indossano il costume per fare il bagno. Dal gusto retrò, queste vengono tradotte dall’artista con linee essenziali, tipiche dello stile grafico usato in bottega e applicate poi a manufatti in ceramica smaltata.

Due vasi antropomorfi sono l’inizio di questa nuova collezione. Realizzati interamente a mano senza uso di stampi. La particolarità questa volta è che alla base, si trova un piccolo piedistallo a forma di salvagente. Questo perchè i nostri bagnanti non sono ancora molto pratici nell’acqua.

La Bagnante ha il costumino a righe e la cuffietta aderente a pois rossi per non rovinare i capelli. Anche in questo caso, la protagonista dialoga attraverso gli occhi, con un uccellino posato sulla sua testa.

Anche l’ometto dirige il suo sguardo verso un altro uccellino. Indossa un costume intero a righe tipico dei primi bagnanti del 1900. Ha un bel paio di baffetti arricciati all’insù.

Deliziosi ricordi della nostra spiaggia, eleganti e simpatici per far crescere al loro interno una piantina grassa, o per contenere matite, mestoli, tutto quello che la fantasia vi suggerisce.