I ventagli Belle Epoque

I ventagli in pizzo sono un omaggio alle prime villeggianti che vennero a trascorrere le loro vacanze estive nella città di Senigallia.

Nel 1853 venne realizzato per l’appunto a Senigallia il primo stabilimento balneare che, di fatto, dette l’avvio alla storia turistica della città, a cui si associava la stagione teatrale. Senigallia fu tra le prime città a promuoversi a livello nazionale ed internazionale come luogo di svago e di riposo, approfittando della spiaggia che di lì a pochi anni, venne soprannominata spiaggia di velluto e che tuttora ne è il simbolo turistico. Si trattava di un pubblico di elite accorso nella nostra città da tutta Europa. Tra questi si annoveravano personaggi importanti come politici e principesse.

A cavallo tra il XIX e XX secolo Senigallia aveva già un’importante valenza turistica che incrementò negli anni successivi. Simbolo di questo fenomeno, oltre all’attività del teatro “La Fenice”, dotato di un palcoscenico di dimensioni simili a quello della Scala, furono lo Stabilimento Bagni e la Rotonda a Mare. Questa un tempo palafitta posta davanti al prestigioso Stabilimento a proprio uso, fu poi riedificata nella posizione attuale in cemento armato nel 1933 dopo il terremoto del 1930.

Con il XX secolo inizia la Belle Epoque, periodo contrassegnato da ottimismo. E’ un periodo in cui la moda segue gli sfarzosi ritmi dei balli, dei pranzi di gala e soggiorni in residenze aristocratiche. Occorrono così più vestiti per i diversi momenti della giornata.

Orientexpress ripropone con le silhouette in legno applicate a questa collezione di ventagli, lo scorrere della giornata di una lussuosa signora di inizio ‘900.

Gli abiti da giorno hanno alti colletti di merletto e colori tenui color pastello, e di sera, al contrario, profonde scollature con colori rigorosamente neri e paillettes.

Ecco dunque la scelta del ventaglio in pizzo, evidente rimando alle suggestioni di inizio secolo scorso.