I carillon del Circo Bohémien

Si arricchisce di nuovi personaggi il circo delle meraviglie. Tutto è pronto per continuare lo spettacolo, questa volta sulle note del Lago dei Cigni.

Sono infatti carillon le nuove figure in terracotta che troneggiano sopra scatole in legno ottagonali, all’interno delle quali si trova il meccanismo che le fa girare a suon di musica.

Ginette, Louise e Claire sono tre ballerine che fanno riscaldamento. Ognuna con un carattere diverso che si esprime attraverso l’azione che compie. C’è la nostalgica che tiene in mano un palloncino a pois, la spavalda, impettita e pronta a dare il meglio di sè e infine l’energica, sempre attiva, con una gamba all’insù.

Sebbene le loro forme burrose non sarebbero quelle tipiche di una ballerina di danza classica, sul palco della fantasia tutto è concesso, e anche una rotonda ragazza può librarsi felice nel fruscio del suo tutù colorato.

Viene naturale citare la frase contenuta nella canzone di De Gregori La Donna Cannone: “E in faccia ai maligni e ai superbi, il loro nome scintillerà”.

A completare la collezione, c’è Didier la mascotte della Compagnia. Un bambino che veste ancora alla marinara, ma che nonostante la sua giovane età, già si esibisce in sella al suo cavallino a dondolo.