Buon Compleanno Orientexpress!

16 maggio 2004 - 16 maggio 2019

Un viaggio nel mondo dei balocchi, tra bambole anni Venti in carne ed ossa con abiti di lamè, strass e paillettes che si muovono a tempo di musica. Figuranti vestite alla moda liberty che replicano l'abbigliamento delle bambole in legno create all'interno del negozio. In questa atmosfera magica ha inaugurato il laboratorio artistico Marconi "Orientexpress" il 16 maggio 2004.

Presente tutta la famiglia Marconi al gran completo, i genitori Maria ed Antonio e i figli Anna e Lorenzo, tutti con l'arte nel sangue. Dopo già dieci anni di attività nel loro paesino di Montignano, si sono trasferiti con immenso entusiasmo nel centro storico, in via Cattabeni 31. Diverso da tutti gli altri negozi, Orientexpress si è subito distinto come un atelier d'altri tempi, tutto di rosa dipinto e pieno di oggettini particolari e opere più importanti, che riportavano già da allora, al mondo del circo e delle fiabe. La sensazione era quella di trovarsi in una "casa di bambola", dove però la finzione diventava ammirazione per i particolari e l'eleganza di ogni oggetto.

"Il nome Orientexpress nasce da tanti motivi - spiegò al tempo Lorenzo Marconi, vincitore già nel 2004 del primo premio al Carnevale di Venezia -"il treno della fantasia, del viaggio, con un alone magico. Un treno famosissimo, che tocca città simboliche e che era in gran voga negli anni Venti e Trenta, un periodo di grande ispirazione per le nostre opere".

Per coincidenza il laboratorio Marconi sta esattamente dove prima di loro, il pittore senigalliese Ivo Pompili dipingeva i suoi quadri: un portafortuna per l'Orientexpress.

Da allora son passati tanti anni e con loro le mode e le vicissitudini personali e pubbliche. Il mondo è cambiato, ora tutto è veloce e globalizzato. Ma come sempre, i due fratelli nuotano contro corrente, cercando di rimanere fedeli al loro credo di bellezza, tradizione e rispetto per le cose concepite e realizzate con le proprie mani. Questo li ha sempre resi speciali, tanto che il loro laboratorio è indicato come Marche Eccellenza Artigiana. Spesso anche i media si sono interessati al mondo dei Marconi, dedicando loro articoli e servizi televisivi.

Sempre al passo con i tempi, hanno nuovamente ristrutturato il locale, prodotto collezioni e proposte in linea con il mercato di oggi, messo online un sito aggiornatissimo, insomma citando lo scrittore del "Gattopardo" Tomasi di Lampedusa, "tutto cambia perchè nulla cambi".

Se il nome del negozio è "Orientexpress", il treno che tanta strada ha macinato con loro, MARCONILANDIA che è il titolo di tutto l'apparato social, forse attualmente è quello che li rappresenta di più. Sì, perchè Anna e Lorenzo non sono solo artigiani dediti a creare oggetti all'interno della loro bottega. Il loro è un vero e proprio mondo in continua evoluzione, fatto sempre di nuovi esperimenti e traguardi da raggiungere. Il Carnevale di Venezia li ha resi ormai famosi e dal 2004 tanti altri premi si sono aggiunti al sopracitato. Performers e curatori di eventi, vantano anche la fondazione dell'Associazione Cuturale "L'Estetica dell'Effimero" con la quale organizzano mostre ed eventi di interesse pubblico. Fiore all'occhiello è "Il Solenne Ingresso" la rievocazione storica che racconta l'arrivo dei Signori di Senigallia nel 1479, Giovanni Della Rovere e Giovanna da Montefeltro.

 


Le Pupe del Biroccio. Il nuovo abito di Lorenzo Marconi

E' stato presentato sabato 23 febbraio presso il Foyer del teatro La Fenice di Senigallia, il nuovo abito per il Carnevale di Venezia di Lorenzo Marconi. Di fronte ad un nutrito pubblico, l'artista si è presentato accompagnato dalle note di Gioacchino Rossini, magistralmente suonato da il giovanissimo Arsienti Di Re.

La nuova creazione è un'esplosione di colori brillanti. La giacca in particolare, una tela dipinta dallo stesso Lorenzo. Su di essa sono illustrate scene riprese del carretto marchigiano, naturalmente filtrate attraverso la fantasia dell'artista. Il cappello vede grano e girasoli al posto di piume e gioielli. Il ventaglio, anch'esso interamente dipinto a mano, ha la forma del "panaro", la piastra sulla quale veniva di norma, cotta la tradizionale "crescia". Un allegro inno alle Marche, regione in cui Lorenzo è nato, cresciuto e ancora vive e lavora.

Sottolinea la scrittrice Luisa Ferretti, che durante la presentazione ha approfondito la spiegazione del "Biroccio", che questo carro, famoso per essere anch'esso interamente dipinto e decorato con motivi allegorici, è talmente antico che sembra possa risalire perfino al periodo Etrusco.

Anche l'amministrazione comunale presente con un notevole numero di Assessori, Consilieri e lo stesso Sindaco, sembra aver gradito la nuova creazione.

Da mercoledì 27 febbraio fino a martedì grasso, il 5 marzo, Lorenzo e le sue Pupe del Biroccio, si troveranno in Laguna. Sicuramente la nostra Terra sarà ben rappresentata attraverso un ambasciatore così eccezionale.