Ed ora finalmente per voi, al centro dell'arena, il tanto atteso Gianciotto!

Vi abbiamo aggiornato passo dopo passo sulla nascita di questo tigrotto.

Ricordate un pochino la sua storia? Ripercorrendola in breve, vi possiamo dire che tutto ha avuto origine con la manifestazione che la nostra Associazione Culturale L'Estetica dell'Effimero ha organizzato nel 2017 alla Rotonda a mare di Senigallia e dedicata al Circo. Per l'occasione Anna realizzò 4 figure in terracotta di animali onirici ispirati a quel mondo. Un collezionista se ne innamorò e li acquistò tutti.

Quest'anno poco prima di Natale la stessa persona si fece avanti con una nuova proposta, quella cioè di incrementare il suo zoo con una nuova figura, quella della tigre.

Accettata subito la sfida, prese lentamente forma Gianciotto.

Per la sua realizzazione sono stati seguiti i canoni degli animali precedenti, a partire dall'utilizzo del piedistallo su cui appoggiano. Il classico rialzo colorato dove di solito posizionati dentro l'arena, queste bestioline aspettano di esibirsi. La scelta degli occhi a palla li rendono buffi e le sfumature quasi illustrazioni per un libro d'infanzia. Tutti possiedono degli elementi tipici dell'abbigliamento umano; questo per definirne il carattere, la provenienza e perchè no, poterci quindi immaginare una storia da raccontare.

Gianciotto indossa un cappello a cilindro ed una bianca gorgera. E' dunque un nobile felino appartenente ad una antica casata inglese. Sofisticato, elegante, addirittura un pochino altezzoso. Sa di non essere un leone e quindi a capo di tutti gli altri animali, ma non per questo si sente inferiore a lui. Forse porta quel candido collo a pieghe, proprio per simulare la crinera che tanto avrebbe voluto.

Almeno è così che lo racconta Anna, ma ognuno è libero di fantasticare quello che più gli piace.

A distinguerlo dagli altri è però l'elemento giocoso. Nella collezione passata ognuno dei protagonisti aveva con sè uno o più palloncini in terracotta. Anche per il tigrotto erano stati preparati, ma con l'evolversi del progetto, l'artista li ha giudicati superflui e disarmonici.

Per marcare la differenza con gli altri, Gianciotto è invece munito di un hula hoop rimpicciolito secondo le sue dimensioni e dipinto in modo omogeneo con il resto della scultura.

Il salto del cerchio dopotutto è la specialità con cui le tigri fanno il loro spettacolo sotto le grandi tende circensi. Anche il nostro Lord è chiamato a fare questo, ma uno snob come lui lo esegue contro voglia e l'atto energico di oltrepassarlo, in questo caso lascia il posto quasi ad uno scivolarci dentro.

Ora comodamente appollaiato sopra il suo rialzo per cercare un po' di riposo, Gianciotto ozioso, aspetta di andare a conoscere la sua nuova famiglia e organizzare subito con i suoi colleghi un nuovo show.


Timidamente Amore

Oggi non si lavora al Circo delle meraviglie. Due artisti bohemién ne approfittano per fare una romantica passeggiata nel parco costellato di margheritine bianche.

Sono talmente timidi che a stento riescono a scambiarsi qualche parola. Lui vorrebbe darle il mazzo di fiori che ha in mano, ma ancora non ha trovato il coraggio. Poi si siedono su di una panchina, e allora chissà, forse riusciranno finalmente a darsi il primo bacio tra lo scambio furtivo dei loro languidi sguardi e i complici uccellini intorno che fanno il tifo.

A differenza di tutte le altre piccole sculture della nuova collezione ispirata al Circo fin de Siècl, questa è l'unica in cui i due protagonisti non hanno un nome. La scelta è voluta da Lorenzo affinchè ognuno di noi possa immedesimarsi nella scena e dare ai due amanti il nome che meglio ci identifica.

In terracotta dipinta a freddo, ha come valore aggiunto la panchina in mignatura in legno e ferro battuto. Trovata in pessime condizioni in un mercatino dell'antiquariato e sapientemente restaurata, era in origine un elemento decorativo da giardino.