A Natale regalate la tradizione Marchigiana

Il Biroccio è il tipico carretto marchigiano usato fino agli anni '60 per il lavoro nei campi, ma anche per il trasporto delle persone e delle cose. Era decorato in maniera vistosa. Sulle sue sponde venivano dipinte figure femminili molto colorate. Quasi eccessive, erano delle vere e proprie allegorie che simboleggiavano l’abbondanza dei raccolti. Ancora oggi per evidenziare una donna troppo truccata, si usa il detto: "Me pari 'na Pupa del Biroccio".

Da anni ormai all'Orientexpress ci si lascia ispirare dalle rubiconde contadinelle dedicando loro un'intera collezione.

Tradotte con linee essenziali, tipiche dello stile grafico usato in bottega e applicate poi a manufatti in ceramica raku. E' questa una tecnica di cottura della ceramica giapponese, nata in sintonia con lo spirito zen, in grado di esaltare l'armonia delle piccole cose e la bellezza nella semplicità e naturalezza delle forme. Ecco perchè in un certo senso proprio questa tecnica nata così lontano rispetto a noi, diventa perfetta per descrivere la nostra terra.

Le Marche dove la natura ci parla contemporaneamente di mare, colline e campagna. Una perfetta armonizzazione della natura. Qui la vita è semplice, fatta di tante piccole cose e particolarità. In ogni paese in cui si va, si trova una caratteristica che appartiene soltanto a lui.

Vasi a forma di donna sono l’oggetto di punta della collezione. Ognuno diverso dall’altro, realizzato interamente a mano senza uso di stampi. Tutti ci parlano della natura, della frutta, la verdura e degli animali che vivono in campagna.

Immancabile il gioco di sguardi tra la contadinella e l'uccellino appoggiato sulla sua testa.

Sono da appoggio o da appendere. Di diverse altezze e soluzioni. Accanto a lei si sviluppa poi tutto un mondo, a cominciare dai piatti da appendere dedicati alle quattro stagioni.

E poi ancora quadri raffiguranti ortaggi o i classici animali da cortile. Silhouette applicate su vecchie tavole di recupero. La più simpatica è l’oca. Con il suo lungo collo, sembra voglia uscire dal quadro per curiosare.


Natale in allegria

All'Orientexpress esistono due proposte Natalizie. Quella più classica e romantica di cui abbiamo parlato in un articolo precedente, e questa più allegra e spiritosa.

Composta da coloratissimi angeli realizzati sia con la tecnica della terracotta dipinta, ma anche in ceramica.

Corpi arrotondati e faccine buffe con il grande naso a patata. Sorretti da lunghi colli, girano il volto nelle più svariate direzioni. In questo modo ogni angelo assume atteggiamenti e caratteri diversi.

Hanno i capelli sparati e le alucce piccoline. Tengono tutti in mano un cuoricino.

Dipinti con colori piatti e accesi, senza sfumature, i grandi hanno nei vestiti dipinti decori a righe verticali, i piccoli a pois.

A completare la collezione, sagome di angeli in terracotta da appendere all'albero, ma perchè no, anche ad un mobile o ad un lampadario.

C'è anche la ghirlanda. A forma di cuore, in vimini bianco, con al centro ben in evidenza, la silhouette dell'angelo, questa volta in ceramica.

Per un Natale buffo, allegro e spensierato, da non togliere con la fine delle festività, ma da tenere in bella mostra per tutto l'anno.

 


Bambini! Ecco i nuovi appuntamenti con l'argilla.

Storico ormai l’appuntamento con la ceramica per i più piccoli tutti i mercoledì presso il nostro laboratorio di via Cattabeni, 31 – Senigallia.

Il corso ripartirà mercoledì 2 ottobre 2019. I laboratori saranno questa volta dedicati  alla conoscenza delle regioni d'Italia giocando con l'argilla.

Il corso si terrà con cadenza settimanale con la durata di 1 ora per appuntamento.

Prezzo € 10 per un’ora di lezione.

Per due fratelli costo totale a lezione € 17.

Nel prezzo sono compresi attrezzature, materiali e cotture. Gli oggetti realizzati potranno essere ritirati senza alcuna spesa aggiuntiva.

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA

PERCHE’ L’ARGILLA PER BAMBINI:

Organizzare il tempo libero dei bambini è una scelta importante. Tra le priorità ci sono lo sport, lo studio  delle lingue e per chi ne intravede l’importanza, la fruizione di un piccolo spazio da dedicare alla creatività. A volte si sottovaluta l’importanza di questo tempo impegnato a coltivare la personalità e l’espressione senza filtri verbali del mondo del bambino. Concretizzare e imprimere nella creta uno stato d’animo, contribuisce a sviluppare armoniosamente la personalità e a sviluppare le piccole e grandi difficoltà che si possono incontrare nel percorso di crescita.

A livello didattico l’uso della materia contribuisce a far percepire concretamente l’idea di spazialità che, nei programmi scolastici italiani, si limita per lo più all’utilizzo del disegno e della pittura: si copia raramente dal vero, più spesso a memoria su foglio, fino ad arrivare più avanti al concetto di prospettiva e di geometrizzazione, sempre tralasciato di fatto, la terza dimensione.

Far conoscere concretamente la spazialità e volumi, facendone esperienza diretta contribuisce a farci sentire parte di un mondo meno virtuale e molto più reale.

Per info. marconilandia@libero.it – Tel. 071 7931236

Su prenotazione corsi privati per grandi e bambini.

Costo all’ora:

€ 15 per bambini fino a 12 anni

€ 20 per adulti

 


E se vi dicessimo che sono opera di una bambina?

Novità all'Orientexpress! E' sempre più frequente la proposta da parte dei genitori, di poter portare i loro figli in laboratorio per qualche lezione privata di ceramica. Lo scopo? Realizzare le bomboniere per la propria Comunione.

Da sempre Anna e Lorenzo Marconi tengono corsi settimanali di ceramica per bambini. Il mercoledì pomeriggio infatti, il negozio pullula di piccoli super creativi. Attualmente si tengono due turni: il primo dalle 16.30 alle 17.30 e il secondo dalle 18.00 alle 19.00.

Gli appuntamenti andranno avanti fino al termine di maggio ed il tema che i mini ceramisti stanno affrontando, è il Circo con i suoi animali, i clown e tutto il suo fantasmagorico mondo.

Alcuni bambini però si spingono oltre ed in particolare quelli estremamente fantasiosi e dotati, hanno il desiderio di potersi lanciare in proprie iniziative. Così nasce l'idea delle bomboniere realizzate da loro stessi. Si stabiliscono insieme una serie di date, il piccolo viene con un suo progetto ben chiaro, e con Anna o Lorenzo, si mette a lavorare alle sue personali opere. Così anche l'oggetto da regalare durante una festa così speciale come può essere la Comunione, diventa unico e di grande valore affettivo. Un vero e proprio ricordo da custodire tra i tesori più grandi.